Tagboard




Guild Wars© è un marchio di NCsoft Corporation. Tutti i diritti riservati.

©2004 ArenaNet, Inc. Tutti i diritti riservati. ArenaNet, Arena.Net e il logo ArenaNet sono marchi o marchi registrati di NCsoft Corporation negli Stati Uniti o in altri Paesi.






I CHARR


I charr sono una razza di grandi e selvaggie creature feline che occupano parecchie zone ad est di Tyria. Hanno rinunciato agli dei reputandoli falsi e guardano tutta la vita, dalla magia al combattimento, con un severo occhio cinico. La loro cultura è basata in uno stato militare dove fin dalla nascita sono allenati per diventare guerrieri. 

Storia

Era del Khan-Ur e la Casta degli sciamani

Inizialmente vi erano molte lotte tra i diversi gruppi di charr finchè Khan-Ur prese in mano la situazione formando per la prima volta delle bande di charr unificate. I primi gruppi militari sotto il controllo di Khan-Ur impiegarono a lungo l'impresa di terminare i conflitti interni. Anche se questi conflitti non erano stati completamente debellati, le unità di Khan-Ur hanno permesso ai charr di espandere il loro territorio a sud, nell'area conosciuta come Ascalon, scacciando dall'area i custodi dimenticati. L'unica minaccia che gli era rimasta erano gli umani.

Gli umani erano inflessibili, e i charr erano forzati a rimanere nella porzione meridionale delle loro terre. Questo conflitto causò un'unità mai vista nei charr, probabilmente avrebbero fatto cadere quell'impero umano se non fosse per il tragico fatto quando fu assassinato Khan-Ur. Senza più alcun erede, la morte di Khan-Ur divise i charr in quattro legioni, dando vita a una potente lotta che continua in questi giorni. Anche se parecchi charr hanno aspirato a prendere il titolo di Khan-Ur, nessuno di questi riuscì ad essere leader e ad unificare i charr se non per qualche settimana.

I charr capirono che la ragione percui gli umani erano capaci di respingerli da Ascalon era perchè avevano qualcosa che loro non avevano, la fede per gli dei. Per disperazione, il gruppo bruciato della legione della fiamma viaggiò al vulcano di Hrangmer. Là, in un pilastro di fuoco apparse il dio della fiamma, il dio con cui i charr potessero identificarsi, i titani. Al loro ritorno, i componenti del gruppo bruciato furono promossi al ruolo di sciamani, e tutti i charr acconsentirono a unificarsi sotto lo stemma della legione della fiamma. Tutti eccetto una. Bathea Havocbringer fu contro i Titani, e per questo diventò presto un sacrificio da offrire ai nuovi dei. La sua ribellione ha inciso sulle femmine di charr, che furono costrette a rimanere fuori dai campi da battaglia, obbligate ai doveri domestici.

Ancora più uniti, i charr finalmente ripresero la guerra contro gli umani. Loro attaccarono senza preavviso e con un nuovo potere devastante, garantito a loro dai titani tramite l'oscuro dio Abaddon. Usando il calderone del cataclisma, portarono la "devastazione", distruggendo le grandi mura settentrionali e invadendo i tre grandi regni umani: Ascalon, Kryta e Orr.

La caduta del Fuoco e guerre rinnovate

Con il potente regno di Ascalon in ginocchio, i charr si mossero a sud e a ovest, per prendere Orr e Kryta, senza ottenere grandi risultati. Anche se inizialmente la situazione era promettente da entrambi i fronti, l'avanzata dei charr ad Arah fu bloccata dal cataclisma, mentre i charr di kryta furono fermati dai mursaat.

Dopo due anni dalla "devastazione" gli umani sconfissero Bonfazz Burntfur e l'invasione dei charr fu bloccata alle porte di Rin. Ma fu per poco, e non troppo tardi, Ascalon cadde in rovina. Un risorgere nelle attività dei charr procurò un uscita globale dei titani (che furono dopo personalmente sconfitti dal re Adelbern in persona) che permisero ai charr di tenere la loro presa su ascalon per altri cinque anni.

Con la caduta dei titani, la società dei charr fu in disordine. Tuttavia altri nuovi impetuosi dei si presentarono ai charr: i distruttori. Per fortuna, grazia all'intervento di Pyre Fierceshot, i Distruttori sono stati rimossi dalla loro posizione prima che potessero fare danno, iniziando una lunga rivoluzione che portò la caduta degli dei della legione della fiamma e della casta degli sciamani. I charr impararono una lezione importante: non hanno bisogno di dei per sconfiggere i nemici, e non saranno mai disposti ad accettare un padrone un'altra volta, divinità o meno.

Ascalon cercò di sopravvivere per oltre trent'anni dalla "devastazione". I charr combatterono una guerra prolungata, avanzando lentamente ad ogni avamposto ascaloniano. Finalmente arrivarono alla capitale, Ascalon (Rin cadde tempi addietro), e la dominazione charr su Ascalon era quasi certa. Ma il re aveva ancora un'asso nella manica: una misteriosa magia, la brucianemici, si scatenò dalla leggendaria spada del re, Magdaer, che sconfisse tutti i charr invasori e fece ritornare le guardie cadute di Ascalon, che rimasero fino ad oggi come guerrieri spettrali.

Circa quarant'anni dopo la caduta degli dei della legione della fiamma, una vera ribellione iniziò contro gli sciamani. La casta degli sciamani fu in grado inizialmente di tenere testa finchè Kalla Scorchrazor, cucciola di Pyre Fierceshot, allenò segretamente le femmine di charr per generazioni per la battaglia contro la casta. Con questa nuova armata, la casta degli sciamani non ebbe più possibilità di sopravvivenza.

Dopo la sconfitta della casta degli sciamani, la legione della fiamma fu rinonimata la legione d'oro, ironicamente per via della sua frivolezza, e grazie a Kalla, le femmine di charr riuscirono a riottenere un posto nel campo di battaglia. Finalmente uniti, i charr conquistarono buona parte delle terre a est di Cimefredde: tutte tranne Ascalon e la fortezza del "Falco d'Ebano" (Ebonhawke). Con il loro predominio, portarono nuove tecnologie di guerra, come motori d'assedio e armi da fuoco, tecnologie che furono essenziali per le battaglie in arrivo contro gli antichi draghi.

I charr ancora rabbrividiscono al pensiero che un tempo cooperavano con dei falsi dei. Le altre legioni continuano a trattare la legione d'oro come se fossero ancora al di sotto di questi.

Cultura

I charr hanno una cultura militare e le loro società, le loro tecnologie e i loro rapporti sociali sono molto focalizzati nel supporto militare. La società è costruita attorno alle unità militari le quali i charr ne entrano a far parte fin dall'infanzia. Gli altri compiti non militari, come l'agricoltura o il commercio, sono normalmente affidati ai giovani, ai ritirati o ai feriti. La debolezza e la stupidità dei singoli individui è vista con particolare disprezzo, alcuni di questi atti può far si che un charr diventi un Gladium, o nel peggiore nei casi, il nome del charr viene cancellato totalmente dalla storia della razza.

I charr si accoppiano nel corso della loro vita, ma molte delle loro relazioni son più occasionali di quel che sono. Le famiglie sono riconosciute, ma non appena un cucciolo è svezzato viene mandato al fahrar da uno dei suoi genitori. Ai cuccioli viene insegnato l'unione e la definizione di una propria struttura sociale e le bande che si formano condividono una parola-radice che è incorporata nei loro cognomi. Mentre la stirpe è riconosciuta e accettata, i genitori hanno poco a che fare con la crescita del cucciolo, e così che le bande vengono viste come delle famiglie charr, e i legami di lealtà e affinità formatosi tra questi son più forti rispetto a quelli di sangue. Tuttavia alcuni charr lasciano o cambiano banda, questi forti legami solitamente lasciano un profondo impatto nel charr, coloro quindi che cambiano banda devono cambiare il loro nome e adattarsi in fretta se vogliono sopravvivere.

I charr sono altamente industrializzati e sono sia famosi che temuti per la loro tecnologia militare, nello specifico nello sviluppo di armi e macchine da guerra. Il loro sviluppo nella tecnologia ha portato all'invenzione della stampa, che a sua volta fece propagare l'uso diffuso del linguaggio "Nuovo Krytiano". In contrasto, molti di loro vedono l'uso della magia come segno di debolezza.

Molte delle loro terre sono state convertite in allevamenti, campi da pascolo e coltivazioni di mangime per gli animali. Bovini, ovini, facoceri, dolyaks edivoratori sono le loro fonti primarie di cibo.

I Charr sono noti per avere "festività della carne", eventi alla pari di una celebrazione culturale.

Religione

Data la loro storia molti charr evitano le religioni. Non accettano qualsiasi autorità divina e si arrabbiano molto facilmente nelle discussioni che riguardano culti charr o manipolazioni da essere divini. I charr riconoscono le varie divinità delle altre razze come esseri più potenti ma non li vedono come esseri da adorare.

Governo

La società charr è una oligarchia leadercratica, costruita attorno le più alte quattro legioni. Ogni legione ha una banda primaria la quale prende il nome della legione ed è comandata da un imperatore, un discendente del Khan-Ur. Se un imperatore ottenesse l'artiglio del Khan-Ur ed eseguisse grosse imprese, quel charr diventerebbe il prossimo Khan-Ur.

Tutte le quattro legioni sono ferocemente indipendenti l'una dalle altre , mantenendo le loro terre e città come fortezze. Le tre legioni principali, la cenere, il sangue e il ferro, sono alleate e lavorano insieme per mantenere le loro terre e a colonizzarne di nuove. La quarta legione, quella della fiamma, è emarginata ed è in guerra civile con le altre legioni. Nessuna legione permette alle altre tre di governare su tutte, ma la legione di Ferro è quella che ha un ruolo principale nelle terre di Ascalon.

Fisionomia

I charr sono dei carnivori dalle sembianze feline-umanoidi. Possono stare in piedi sulle zampe posteriori e sono più alti degli umani di una buona metà ma non hanno un corpo possente come i norn. Preferiscono una posa curva mentre stanno in piedi ma in determinate occasioni stanno dritti e apposto. Quando si muovono, e le loro zampe sono non occupate, i charr corrono su tutte e quattro le zampe. Mentre i maschi sono descritti generalmente nell'essere più forti, le femmine sono più agili e flessibili, anche se questa differenza non si nota in gioco. Le femmine di charr hanno sei mammelle, nascoste comunemente dal pelo.

Hanno un pelo corto dalla testa alla cosa in una verietà di colori e motivi, i quali sono simili a quelli dei leoni, delle tigri o dei ghepardi. Molti charr hanno una lunga criniera tra le spalle, il dietro della testa e il collo. Un maschio charr a meno pelo nella colda accentutato di più sulla punta, mentre le femmine hanno un pelo più lungo e spesso dall'inizio alla fine.

Il muso dei charr è allungato e la loro bocca è provvista di prominenti denti affilati, adatti per le loro diete carnivore. I denti sono più larghi nei maschi, in particolare quelli della mascella inferiore che sono di solito molto più piccoli sulla femmina. La testa ha quattro corna, quelli dalla parte superiore della testa sono più importanti di quelli tra i due tipi di orecchie. La coppia più alta di orecchie sente le alte frequenze, come ad esempio un cane,mentre la coppia in basso sente le basse frequenze, come ad esempio un elefante. Tuttavia, essi hanno difficoltà a sentire i suoni a media frequenza, come quelli usati nel linguaggio umano, e ciò  può aggravare i rapporti già tesi tra Charr e umani.

I Charr hanno una serie di taglienti artigli retrattili che possono essere usate come coltelli per uso generale, in qualsiasi caso preferiscono usare le armi quando combattono.

I cuccioli nascono già pieni di pelo, con grandi occhi e arti funzionali. In pochi giorni i cucciolo sono in grado di seguire le loro madri anche sui terreni più duri. Mangiano carne nel primo mese dalla nascita, e in seguito sono completamente indipendenti nell'alimentazione.

 Giocare con un Charr

All'inizio del gioco, i personaggi charr possono selezionare la legione da seguire:

     Cenere
     Ferro
     Sangue

La legione d'Oro non è un opzione selezionabile.

Questa scelta influenzerà la storia personale del giocatore, ma non avrà effetto sulle capacità del personaggio.

Guild Wars 2 - Il dominio dei Charr